Editoria digitale: il paywall piace agli italiani, parola del Reuters Institute

See on Scoop.itdigibook

Il Reuters Institute for the Study of Journalism, ha recentemente pubblicato un interessante studio, riguardante l’atteggiamento di 11.000 lettori di nove nazionalità differenti, nei confronti dell’informazione, del come e del dove venga consumata. 

digital publishing‘s insight:

Il Digital News Report 2013, indica soprattutto un forte cambiamento nell’ecosistema dell’informazione digitale, notevolmente evolutasi durante l’anno passato. Secondo l’Institute, è avvenuto un “cambiamento radicale nell’atteggiamento pubblico riguardo all’informazione digitale, che ha portato a raggiungere un numero di lettori, disponibili a pagare per l’accesso a contenuti digitali, doppio rispetto all’anno passato”. Significa forse che i colossi dell’informazione possono riposare in pace, perché questi dati indicano il paywall come lo strumento che risolverà tutti i loro problemi? Assolutamente no. La crisi che si è abbattuta sul mondo dell’informazione non si arginerà con la semplice offerta di contenuti digitali a pagamento, ma questi potranno comunque colmare quel gap creatosi, andando a dialogare soprattutto con i giovani consumatori. Non sorprende infatti come siano proprio loro quelli che leggono e guardano di più le notizie a pagamento, soprattutto via smartphone e tablet.

See on www.thevortex.it

Author: The Round

Share This Post On