head-up display: guidare a realtà aumentata

See on Scoop.itaugmented world

Vestirsi come il protagonista del videogioco Halo, imbracciare il manubrio di una moto o il volante di una vettura con le stesse regole e abitudini di un pilota da caccia. Tutto questo è ormai “quasi possibile” perché, non ve ne foste accorti, una guerra c’è ed è destinata a prendere a spallate le convenienze dei produttori di motociclette e auto che non hanno fatto forse in tempo ad impadronirsi di tecnologie sviluppate da tante aziende al di fuori del settore. 

augmented world‘s insight:

Gli esperti ne parlano come di Wearable Devices, la folla di apparecchi elettronici in arrivo fatti per essere indossati come un orologio, il formato a cui pensano Apple eMicrosoft, oppure come occhiali intelligenti, la frontiera di Google Glass. Per tutti, l’idea che a controllare le azioni quotidiane legate ad una telefonata o ad una navigazione web possa bastare uno schermo di piccole dimensioni, semplici gesti e una connessione via radio al nostro smartphone. Nella lista delle associazioni destinate a saltare però ci sono anche lancette, spie e cruscotti. Auto e moto sono avvertite Nate a scopo militare, per proiettare le informazioni sensibili di un aereo in volo sul parabrezza, e poi nel visore dell’elmetto casco, le tecnologie head-up display, letteralmente con uno schermo che consente di tenere la testa alta, sono già sbarcate da tempo sui cristalli anteriori di berline europee molto costose a titolo di gadget, un gioco utili de pagare a parte che non ha mai sostituito il cruscotto tradizionale. Fino ad ora.L’azienda inglese Reevu conta di introdurre sul mercato entro i prossimi 18-24 mesi, un casco per motociclisti con integrato un sistema Head Up Display in grado di proiettare sulla visiera le informazioni più importanti che riguardano la marcia. Il dispositivo messo a punto dalla Reevu utilizza una connessione Bluetooth per agganciarsi direttamente all’elettronica di gestione della moto, a cui va aggiunto un apposito adattatore radio, e questo vuol dire avere a portata di sguardo la velocità istantanea, ma anche i giri del motore, la marcia innestata e i dati di consumo. Ancora presto per parlare di prezzi, ma l’azienda ha fornito indicazioni che non si allontanano dalla soglia degli 800 euro.

See on www.corrieredellosport.it

Author: The Round

Share This Post On