La Cina, il supercomputer e la “talpa” americana

See on Scoop.itdataumpa

Ormai è chiaro a tutti. Questa è l’era del Big Data. E la Cina ne è protagonista. Mentre l’attenzione generale è ancora puntata allo scandalo Nsa e alla “talpa” Edward Snowden, la Cina mette a segno un altro colpo vincente ai danni degli Usa. Una corsa alla tecnologia in cui però ingombrante è lo zampino del comparto militare.

 

dataumpa‘s insight:

Il supercomputer più veloce del mondo è realtà. Si chiama Tianhe e la lista semestrale che classifica i grandi elaboratori di tutto il mondo, Top500, scrive il South China Morning Post di Hong Kong, lo ha messo al vertice di tutti i macchinari della sua specie. Sviluppato dall’Università Nazionale di Tecnologia della Difesa di Changsha, nella Cina centrale, è in grado di effettuare oltre 33mila trilioni di calcoli. Quasi il doppio di quello che fino a ieri era considerato il supercomputer più potente sulla faccia della Terra, il Titan del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Appena cinque anni fa, scrive Quentin Hardy sul blog Bits del New York Times, una macchina in grado di eseguire un migliaio di operazioni era considerata da record. Così, da qualche anno è in corso una vera e propria corsa al supercomputer tra le principali potenze mondiali dell’hi-tech: Cina, Usa e Giappone. 

L’acronimo Hpc (high-performance computing) è sempre più legato a doppio filo con tutto quanto riguarda elaborazioni informatiche complesse come modelli meteorologici, simulazioni di esplosioni nucleari e progettazione di aerei. E Pechino si conferma in testa alla gara. Già tre anni fa infatti la Cina era riuscita ad assemblare il Tianhe-1A, diretto predecessore del Tianhe-2. Ma per gli sviluppatori la classifica non conta. “Produciamo supercomputer con l’intento fondamentale di promuovere una forza trainante verso la costruzione di un Paese orientato all’innovazione e soluzioni per le scienze che riguardano lo sviluppo futuro degli esseri umani”, ha spiegato Li Nan, portavoce del progetto Tianhe-2 all’agenzia di stampa cinese Xinhua.

 

See on www.linkiesta.it

Author: The Round

Share This Post On