Oculus Rift, la realtà è virtuale ma il mal di mare è reale

See on Scoop.itaugmented world

I responsabili del progetto Oculus Rift, il celebre visore per la realtà virtuale finanziato tramite Kickstarter, stanno lavorando per risolvere i problemi di nausea e vertigini che potrebbero derivare dall’uso della periferica.

Nate Mitchell, vicepresidente produttivo dell’Oculus Rift, ha ammesso in una recente intervista che l’eliminazione di questi effetti collateral è una delle sfide più grosse affrontate durante lo sviluppo del visore.

augmented world‘s insight:

Il problema è imputabile a un insieme di fattori che spaziano dalla tecnologia del display a quella del tracking dell’orientamento, passando dal rilevamento della posizione e arrivando fino alla comodità del visore. Tuttavia uno degli elementi più importanti che causa questo disturbo è di natura software, cioè dei contenuti visualizzati attraverso il visore.

 

Per questo motivo Mitchell ha spiegato di voler perfezionare il progetto in modo da aiutare gli sviluppatori a capire quali siano i fattori in grado di causare questi spiacevoli effetti collaterali. "Stiamo facendo di tutto per far funzionare al meglio l’hardware e il software, ma una delle sfide è il contenuto. Avere sviluppatori educati su cosa provoca i malori e su cosa invece non causa problemi", spiega Mitchell.

Il concetto è semplice: se una persona normalmente soffre di nausea o vertigini durante esperienze reali con tutta probabilità accuserà gli stessi sintomi se rifarà le stesse cose nella realtà virtuale. Inoltre con l’Oculus Rift si possono eseguire azioni impossibili nella vita reale, che potrebbero complicare ulteriormente le cose. Simulare un salto da un palazzo di trenta piani, per esempio, potrebbe dare fastidio a chi fa fatica a guardare in basso da una decina di metri nella vita di tutti i giorni.

See on www.tomshw.it

Author: The Round

Share This Post On